Lo zaino umano

LO ZAINO UMANO

🦋Desiderosa di condividere con voi un regalo ricevuto e inaspettato. Uno zaino porta computer personalizzato.

Questo omaggio mi è arrivato non da un’azienda cliente ma dal suo gruppo di Persone che ho seguito in un progetto di coaching sullo sviluppo della comunicazione efficace.

Il fabbisogno manifestato dal cliente era quello di creare consapevolezza sulla mancanza di una comunicazione su un team di persone.

Erano tanti e troppi gli anelli mancanti sulla linea comunicativa che risultava spesso incompleta ed inefficace correndo sempre ai rimedi per chiudere un processo di lavoro da uno o più emittenti verso i riceventi (viceversa).

Il lavoro svolto con loro è stato straordinario, così tanto sorprendente ricevendo un dono. Un successo che ha generato partecipazione di tutti e aumento del benessere condiviso.

Uno degli esercizi di condivisione con il gruppo è stato la stesura del Patto con sé stessi.

Chi ha mai pensato di sottoscriverlo? Questo homework è uno dei tanti che permette di identificare la propria identità “genetica” partendo dal proprio nome scomponendolo immaginandolo come acronimo.

Il nome con cui ci identifichiamo e ci identificano, non è altro che un contenitore.

Ma cosa c’è dentro?

Cosa si nasconde dietro un nominativo?

L’identità della Persona può essere scoperta dal nome che ha ereditato?

Il mio nome mi piace tantissimo!

Non mi piace il mio nome!

Nel mio libro “Come affrontare il colloquio di lavoro…” trovate il mio Patto (pag 57).

Non è un caso che sia stato riportato il mio nome sullo zaino (l’esercitazione ha lasciato il segno!).

Ps anche questa volta sono tornata a casa con un sacco di EMOZIONI.